11 luglio: Prorogata fino al 31 luglio EM e i suoi amici

11 luglio: Prorogata fino al 31 luglio EM e i suoi amici

La mostra “EM E I SUOI COMPAGNI DI VIAGGIO” è stata prorogata fino al 31 luglio.

La potremmo definire la storia di una solida amicizia, quella tra l’arte e la poesia e insieme tra Emanuele Marenco e gli amici artisti.

L’esposizione organizzata al Museo e da lui voluta intensamente esibisce il resoconto di questa lunga conversazione tra le arti visive, oggetto di una passione collezionistica sviluppata con acutezza, e la poesia che ha ininterrottamente coltivato, trovando nel libro uno strumento efficace di sintesi fra i due aspetti che hanno segnato la sua esistenza intellettuale.

Emanuele Marenco mette insieme queste due passioni in una sequenza di undici volumi pubblicati fra il 2008 e il 2015, all’interno dei quali si dispiega la scabra limpidezza dei versi che “con occhi da etologo” si interrogano “sul perché sul come” della vita e sulla mutevolezza della natura, e la raggiera discorde delle suggestioni artistiche che li accompagnano come sottolinea Sandro Ricaldone nella sua introduzione alla mostra.

Una successione raffinata di artisti: KARL-DIETRICH BÜHLER, GIOVANNI CASTIGLIA, MARIO CHIANESE, PAOLO CHIMERI, PIERGIORGIO COLOMBARA, PHILIP CORNER, CLAUDIO COSTA, GIULIANO GALLETTA,  HANS HERMANN, MARIO NIGRO, SERGIO BOVENGA.

Accompagnano con le loro opere i versi raffinati di Emanuele Marenco, non perché – come precisa ancora Ricaldone – essi debbano fondersi l’una nell’altra, ma perché proprio una accanto all’altra esse danno il meglio, interpellandosi reciprocamente.

In occasione della mostra è stato realizzato un CATALOGO a cura di Paola Martini con testi di Paola Martini, Fabio Caccia e Sandro Ricaldone, con la grafica di Riccardo Melegari e grazie alla volontà di Roberta, figlia di Emanuele.

 

Il catalogo sarà in vendita presso il Bookshop del Museo a Euro 5.00; parte del ricavato dalla vendita sarà utilizzato per il restauro di un’opera del Museo Diocesano. E quindi sosterrete il nostro progetto di crowdfunding “La bellezza è un dono”.